Qualche pensiero sulla Questione Meridionale

In assenza di una politica economica per il Mezzogiorno che punti seriamente allo sviluppo di lungo termine superando le logiche dell’assistenzialismo di breve termine a cui, fin da quando abbiamo memoria, siamo stati abituati, la Questione Meridionale non solo non si risolverà ma trascinerà il Paese in un baratro ben più oscuro di quello di in cui attualmente si trova. I recenti casi dello stabilimento campano della Whirpool e dell’acciaieria pugliese AccerolMittal presentano dei rischi di portata devastante per la situazione occupazionale territoriale.


Ma queste vicende sono solo conseguenza di una programmazione politica sempre fuori-tempo, con le difficoltà d’implementazione che non cessano mai: le “zone economiche speciali” indette dal precedente Esecutivo allo scopo di rilanciare aree del Sud strategicamente rilevanti non sono ancora partite; per non parlare delle croniche difficoltà da parte delle Amministrazioni regionali nella gestione dei fondi strutturali europei, con quelli relativi al periodo 2014-20 per lo più destinati a finanziare tanti piccoli e circoscritti eventi locali anziché iniziative di sviluppo e coesione sociale di più ampio respiro.


Restando fermi finiamo per perdere le poche opportunità di crescita oggi presenti nell’area del Mediterraneo: nel 2018 la Spagna ha superato l’Italia nell’export agroalimentare. Urge cambiare direzione, partendo dal capitale sociale: scrollarsi di dosso il “terrore” dell’innovazione e abbandonare la logica del “favore” di natura clientelare sono passaggi fondamentali da affiancare alle manovre che, da parte delle Istituzioni centrali, devono necessariamente arrivare... sperando non sia ormai troppo tardi.


Fonte: Il Sole 24 Ore, “Il riscatto del Sud passa dal capitale sociale”, giugno 2019.

23 visualizzazioni

FuoridiME - Associazione di Promozione Sociale, C.F. 97119290837 - Viale Principe Umberto 123 bis - Messina (ME), 98122 

Cellulare: +39 3452430862 - Mail: contatti.fuoridime@gmail.com - offsite.fuoridime@gmail.com