FuoridiME - Associazione di Promozione Sociale, C.F. 97119290837 - Viale Principe Umberto 123 bis - Messina (ME), 98122 

Cellulare: +39 3452430862 - Mail: contatti.fuoridime@gmail.com - offsite.fuoridime@gmail.com

Conferenza stampa - Presentazione "FuoridiME" - Palazzo Zanca, 28 Dicembre 2015

6 Gennaio 2016
Social
  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle

Entusiasmo, competenza, dialogo: queste le parole chiave dell'evento di presentazione di FuoridiME, tenutosi nella Sala Ovale di Palazzo Zanca (Messina) il 28 Dicembre 2015.

 

In un clima di interesse e curiosità e sotto l'occhio vigile di Istituzioni e stampa i ragazzi dell'Associazione, studenti e giovani lavoratori messinesi fuorisede, hanno presentato la loro innovativa idea: mettere a disposizione della città le competenze acquisite nei singoli percorsi di vita, dando il loro particolare apporto al rinnovamento di Messina.
 

“Essere fuori sede è ormai una condizione normale per i ragazzi della nostra età ma noi vogliamo che questa debolezza strutturale del nostro territorio possa diventare una risorsa in termini di idee e prospettive” hanno dichiarato i membri del Direttivo.
 

Di fronte al Sindaco, alla giunta, ad esponenti della delegazione parlamentare messinese e ad una numerosa platea di interessati l'Associazione ha poi presentato il suo primo progetto, un'indagine sul costo dei voli per rientrare a Messina nel periodo natalizio.

 

Attraverso una semplice ricerca si é dunque potuto mettere in evidenza non solo l'alto costo medio dei collegamenti dalle principali città universitarie del Centro-Nord agli aeroporti di riferimento (Reggio Calabria e Catania) ma anche e soprattutto la scarsità degli stessi, il ridotto numero dei voli e l'impietosa comparazione con le tratte per l'estero, in un quadro che vede il Sud sempre più isolato e costoso da raggiungere.
 

In chiusura il Presidente dell'associazione, lo studente Roberto Saglimbeni, ha rimarcato uno dei principi della FuoridiME: “Noi non vogliamo sostituirci all'attivismo locale né proporci come i "salvatori” della città, bensì dare stimoli, spunti e idee per far si che in futuro andare via sia una scelta e non una necessità".